ASX 200 Arroccato al Supporto Mentre il Prezzo del Minerale di Ferro si Tira Indietro

Oggi, i mercati degli investimenti in metallo stanno accumulando perdite a causa della volatilità dei prezzi di ASX200. Il principale gruppo di mercato delle materie prime sta ora esaminando una traiettoria di crescita che viene trascinata dalle tendenze economiche e finanziarie globali. Quale prossimo?

L’ho già detto e lo ripeto: il momentum dei prezzi oscilla molto più dei fondamentali. L’unico fattore che mantiene lo stesso slancio è l’economia.

La crescita globale non si fa più avanti rispetto al resto del mondo in termini di produzione e altre grandi industrie, anche con grandi economie come la Cina e l’India che entrano nei ruoli di leadership. Il risultato è che le tendenze di crescita sono in ritardo e potrebbero affrontare un rischio al ribasso per un periodo prolungato nei prossimi anni.

Il risultato è che i mercati degli investimenti in metallo si trovano ad affrontare significativi venti negativi. I metalli, in particolare i mercati delle materie prime metalliche, continuano a risentire di questa recessione e sembrano essere in modalità di attesa e attesa.

In larga misura, l’incertezza persiste su ciò che l’economia mondiale sta per fare e su quando lo farà. Inevitabilmente, ciò ha un impatto sui flussi di capitali internazionali ed è una delle ragioni principali per cui gli investitori continuano ad avere una visione muta dei prezzi delle materie prime. Nell’attuale ambiente turbolento, i mercati continueranno a ribaltarsi e ciò ha effettivamente un impatto diretto sui prezzi.

In superficie, l’ASX200 ha ottenuto buoni risultati, ma ha anche affrontato un contraccolpo dovuto alla sottoperformance del dollaro australiano. Di recente, il prezzo spot del metallo spot è stato contenuto, ma dovrebbe aumentare nei prossimi mesi. Aspettati una svendita alla fine del trimestre sui mercati delle materie prime ipervendute.

Valute più forti possono essere rialziste per i mercati dei metalli. Ciò dovrebbe determinare una forte domanda di più metalli, incluso l’oro. In realtà, questo è stato un grosso problema per i commercianti di materie prime e altri investitori che hanno goduto di prezzi elevati per i metalli preziosi.

Il dollaro debole ha avuto un impatto positivo sull’ASX ma non è stato una panacea per i problemi dell’ASX. Tutte le economie saranno colpite da un dollaro più debole e devono tutti intensificare e rispondere.

Nel frattempo, il dollaro USA è stato destinato a cadere dopo due deludenti rapporti di lavoro. Come molti si aspettano, questo porterà al ribasso il prezzo di beni e materie prime. La domanda e l’offerta scarseggeranno.

Bisogna anche essere consapevoli del fatto che il dollaro USA ha una grande influenza sul valore della valuta in tutto il mondo. L’indebolimento del dollaro è visto come un cattivo presagio da molti trader. Di conseguenza, il caso di un dollaro forte rimane forte.

Sembra che il principale fattore che continuerebbe a pesare sull’ASX200 e che porti alla fine dell’anno in rialzo è il rallentamento dell’economia globale. Ci si può aspettare che i metalli continuino a funzionare in linea con i fondamentali, ma gli investitori devono ancora diffidare del livello di rischio. Per coloro che non hanno acquistato metalli negli ultimi tre mesi, ora potrebbe essere il momento di cambiare quella tendenza.

Sfortunatamente, nonostante un forte mercato rialzista di materie prime negli ultimi tre mesi, nessun ETF dell’ASX200 ha iniziato a negoziare. Rimane un grosso rischio che il mercato possa continuare a perdere slancio e calo di valore nella seconda metà dell’anno. Bisogna rimanere attenti e ben posizionati mentre i mercati chiudono l’anno in territorio positivo.