Il dollaro australiano incoraggia il taglio del tasso RBA in mezzo ai timori del coronavirus

Il taglio dei tassi RBA della Bank of England e del Dollaro australiano è guidato da una crescita più debole del previsto nelle economie europea e australiana. Tuttavia, questa è una visione familiare sull’economia internazionale con una serie di fattori economici che portano a una crescita più lenta del previsto. Si prevede che quest’anno l’economia australiana crescerà del 2,5% circa, molto al di sotto della media pre-crisi del 5,5% circa.

L’RBA ha un mandato molto ristretto, per sostenere l’economia promuovendo la stabilità dei prezzi. La Banca ritiene che l’economia non sia attualmente in grado di sostenere la stabilità dei prezzi.

Ecco perché stanno riducendo i tassi di interesse. È opinione diffusa che ciò aumenterà ulteriormente la volatilità del dollaro australiano e ridurrà il valore del dollaro australiano.

Sebbene la Banca d’Inghilterra abbia dichiarato che stanno cercando di sostenere l’economia attraverso il controllo dell’inflazione, ci sono fattori economici che stanno facendo salire i prezzi in Australia. Vi è anche incertezza su come l’economia australiana reagirà alla debolezza dell’economia globale.

L’alto tasso di disoccupazione in Australia e il calo in corso del dollaro australiano aggraveranno l’attuale situazione. L’Australia è un paese altamente volatile. Qualsiasi fallimento nell’affrontare l’attuale crisi economica avrà ripercussioni sostanziali sulla politica nazionale australiana.

La ragione per cui la Banca d’Inghilterra ha ridotto il suo tasso di base, il che significa che i tassi di interesse in aumento è di rafforzare i mercati finanziari. Sebbene ciò possa essere vero, apre anche le porte al ritorno dell’inflazione e aumenta il rischio di destabilizzazione dei mercati finanziari.

Se l’RBA abbassasse i tassi per aumentare artificialmente il dollaro australiano, l’inflazione potrebbe tornare, innescando una corsa massiccia sulle banche australiane e creando caos finanziario. La Banca d’Inghilterra è consapevole di questo rischio. Vogliono evitare che ciò accada.

La Banca d’Inghilterra è preoccupata per il forte aumento del rischio di cambio, che sta causando preoccupazioni per molti investitori nella zona euro. Mentre l’Eurozona continua a deteriorarsi, gli investitori si chiedono quando e se il collasso avverrà. Ma con la Federal Reserve che taglia anche i tassi per cercare di stabilizzare i mercati, si stanno avvicinando alla stessa situazione.

In effetti, molti analisti ritengono che la Fed subirà maggiori pressioni per tagliare i suoi tassi al fine di accogliere i suoi partner europei. Sarà solo una questione di tempo prima che la Federal Reserve americana inizi a ridurre il suo tasso.

Gli investitori hanno ora paura di tutti i tagli dei tassi e stanno togliendo i loro profitti dal tavolo. Molti investitori affermano che non speculeranno più sulle valute e ciò sta causando una forte caduta dei mercati valutari.

La Banca d’Inghilterra ha annunciato che continuerà con il suo programma di riduzioni dei tassi fino a quando l’economia non sarà in grado di stabilizzarsi. Tuttavia, con i tassi di interesse ai minimi storici, questa decisione farà ben poco per contenere il rischio di cambio che sta attualmente creando una crisi finanziaria in crescita.

E poiché l’RBA continua a stringere la cintura, non c’è modo per la valuta australiana di riguadagnare il suo valore. Continuerà a scendere fino a quando la BoE non allenterà la sua presa monetaria.