Sterling indebolisce i negoziati commerciali preliminari UE-Regno Unito

La sterlina potrebbe indebolirsi in vista dei colloqui commerciali preliminari UE-Regno Unito in quanto l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea aumenta le probabilità che i negoziati debbano svolgersi a un livello più elevato di velocità. Tuttavia, ciò non significa che il Regno Unito non possa accedere ad altri mercati e che i guadagni siano enormi.

La sterlina è una valuta molto forte nel contesto del resto del mondo a causa delle sue relazioni con il dollaro USA. Pertanto, ciò significa che quando il dollaro USA si deprezza rispetto ad altre valute, anche la sterlina può deprezzarsi (o aumentare) allo stesso modo.

Ciò accadrà perché i paesi al di fuori dell’UE commerciano di più e quindi avrebbero un maggiore desiderio di avere accesso anche a questi mercati. È possibile che il Regno Unito non sarà in grado di negoziare un accordo bilaterale che gli consenta di negoziare liberamente in uno di questi mercati.

Questi partner commerciali includono alcune delle più grandi economie del mondo, vale a dire Stati Uniti, Giappone, Australia, Canada e, soprattutto, l’Unione europea. L’UE comprende oltre il 50% della popolazione mondiale e ha un volume commerciale approssimativamente uguale a quello degli Stati Uniti e della Cina.

Se il Regno Unito dovesse continuare agli stessi livelli commerciali del periodo precedente al ritiro del Regno Unito dall’UE, ciò significherebbe che l’economia britannica competerebbe solo con le economie dei paesi europei. Inoltre, il Regno Unito non sarebbe in grado di creare il proprio mercato commerciale esterno, pertanto trarrebbe vantaggio solo dagli accordi commerciali con l’UE e gli Stati Uniti.

Anche se l’economia potrebbe subire un significativo declino degli scambi nei prossimi anni, il referendum consentirà probabilmente al Regno Unito di rinegoziare alcuni accordi commerciali, e questo può essere vantaggioso solo per l’economia britannica. La sterlina è anche molto interessante rispetto all’Euro e al dollaro USA, quindi se si vedesse che il Regno Unito potrebbe essere in grado di mantenere l’attuale livello commerciale, ciò implicherebbe che la Banca d’Inghilterra avrebbe alzato i tassi di interesse per per mantenere la crescita economica.

Vi sono state molte questioni relative ai negoziati dei negoziati commerciali preliminari tra il Regno Unito e l’UE. Negli ultimi giorni, ci sono state molte speculazioni sulla questione dell’agricoltura e delle leggi sul benessere degli animali, che sono necessarie per assicurarsi che gli animali siano trattati umanamente.

Se il Regno Unito dovesse lasciare l’UE per motivi di benessere degli animali, ciò inciderebbe sul commercio agricolo nel Regno Unito e ciò potrebbe portare a prezzi più bassi per i consumatori. Ovviamente, ciò colpirebbe duramente i produttori agricoli, ma questo potrebbe essere considerato una vittoria per i consumatori.

Ciò potrebbe portare a una maggiore produzione, e quindi il paese potrebbe migliorare grazie a maggiori accordi commerciali, mentre altri paesi no. Anche l’UE ne trarrebbe beneficio, poiché i diritti degli animali farebbero pressione su altri paesi in altri campi, come nel settore della pesca.

Il dibattito in corso potrebbe significare che la Brexit diventa più probabile, soprattutto se l’UE è in grado di ottenere concessioni su alcuni dei suoi accordi commerciali con il Regno Unito. Questo è il motivo per cui il governo deve stare attento a come negozia l’accordo.

Per ora, i negoziati commerciali preliminari costituiranno una parte estremamente importante dell’economia britannica. Possono dare impulso all’economia o essere estremamente dannosi, ma se i negoziati procedono senza intoppi, potrebbero portare a una grande crescita.